Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Val Clusa

Link Scheda Catasto

Scheda Tecnica

Comune: Valle Agordina & Sedico -Belluno-

Dislivello: 435 m. ( da q. 900 a q. 460 m.)

Sviluppo: 2400 m.

Tempo Avvicinamento: 2 h.

Tempo Discesa: 7 h.

Tempo Ritorno: 30 m. (Uscendo dalla presa d'acqua)

Navetta: No

Vie d'uscita:

Si, nei boschi sulla riva di destra dopo circa 1/3 di percorso 

Presso la presa d'acqua sempre a destra sul sentiero di servizio della diga

Numero calate: 39 

Calata max: 36 m.

Impegno: Molto Tecnico / Estremamente Tecnico 

Difficoltà:  v4, a3/4, V

Corda: 1x60 m. + 1 x 40 m.

Periodo:  Giugno Settembre

Ancoraggi: Sufficienti

Opere Idrauliche: Si , una diga a fine percorso

Presentazione

Val Clusa, una forra dove serve la massima concentrazione per affrontarla.

Tantissime cascate da attrezzare con un grande impegno tecnico e fisico.

Percorso molto continuo e spettacolare!

Questo percorso segna il confine Nord del parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi.

N.B.

Uscire alla diga

PERICOLO DI PIENE IMPROVVISE

Accesso da Valle

 Uscire dall'autostrada di Belluno (A27) verso Belluno, direzione Agordo (SS 203)

Raggiungere la località La Muda costeggiando il canale del Cordevole,

da dove parte il sentiero che porta in Val Clusa.

Avvicinamento

Prendere il sentiero n° 546 con pendenza costante.

Seguendo il sentiero principale eseguiremo alcuni tornanti fino ad arrivare sulla prima deviazione a destra.

Sentiero d'uscita del canyon.

(Uscita intermedia se non si percorre la parte inferiore)

(Bella ma sconsigliata, pericolo di piene improvvise)

Continuare in salita fino ad arrivare ad un altro bivio, continuare a destra addentrandosi nella valle.

Attraversare un canale roccioso esposto con corda fissa (Val Del Cristo)

superare un altra piccola e facile valle fino a raggiungere un bosco di Faggi.

Percorrere ancora circa 400 m. tagliando a destra verso il torrente.

Descrizione

L'inizo del percorso risulta essere molto aperto e verde, con alcune pozze evitabili.

Si raggiungerà la prima cascata alta, dove la forra incomincia a restringersi diventando più continua.

Dopo una quindicina di calate è possibile uscire sulla destra su una traccia poco visibile.

 

 

 

contentmap_plugin